top of page

Il Libro dei fattori di aggrappamento all'esistenza è il terzo dei cinque libri dei Discorsi intrecciati. Prende il nome dal suo primo saṃyutta che è il principale sia per lunghezza che per importanza, poiché tratta un aspetto chiave degli insegnamenti. 
 L'analisi dei fattori di aggrappamento all'esistenza rappresenta il livello logico di sistematizzazione dell'esperienza ed è la chiave per comprendere la sofferenza e descrivere come siamo incatenati al Samsara. L'esperienza coinvolge cinque processi: qualia, reazione emotiva, percezione, situazione condizionale e cognizione. Il primo è il processo legato agli input sensoriali e gli altri quattro sono i processi di concettualizzazione. 
I Qualia sono il risultato della codifica e dell'elaborazione degli input provenienti dalle sei porte dei sensi: vista, udito, olfatto, gusto, tatto e intelletto, e trasmettono immagini, suoni, odori, sapori, sensazioni tattili e idee. La reazione emotiva è la prima cosa che interviene attraverso il sistema limbico ed è il processo che traduce l'esperienza in piacevole, spiacevole o indifferente. Un'esperienza piacevole susciterà un attaccamento e una spiacevole un'avversione. La percezione è il processo che dà significato all'esperienza. 
La situazione condizionale influisce sull'esperienza dal momento in cui la stessa esperienza non viene elaborata allo stesso modo nel tempo, a seconda della storia precedente. Ogni esperienza cambierà la situazione condizionale in modo che nessuna esperienza si ripeta. La nostra percezione del tempo è una concettualizzazione della situazione condizionale. Infine, la cognizione è l'atto di conoscere. Come vediamo, tutti questi componenti sono deperibili e durano finché dura l'esperienza. Non abbiamo altro legame con il Samsara se non questi cinque elementi che, raggruppati insieme, chiameremo qualia e concettualizzazione. Comprendi che tutti e cinque sono condizionati e quindi deperibili. Su ciò che è condizionato non abbiamo alcun controllo. E ciò su cui non si ha controllo non può essere definito "io" o "mio". E ciò che non è né io né mio, che è deperibile e condizionato, è insoddisfacente. E ciò che è insoddisfacente diventa facile da abbandonare. E abbandonandolo, si abbandona l'incatenamento al Samsara. 
Vediamo che la coscienza è aggrappata all'esistenza da questi cinque fattori di aggrappamento. La liberazione è slegare la coscienza da questi cinque fattori e costituisce l'obiettivo finale. Una coscienza slegata dal Samsara è una coscienza libera e la libertà è il Nibbāna. 
Questo è il nucleo del Dhamma. 
Dei restanti opuscoli, tre continuano con questo tema e gli altri trattano vari argomenti secondari, alcuni organizzati per tema, altri per persone. Degno di nota è il saṃyutta dedicato ai Nāgas, esseri il cui corpo è descritto come quello di un serpente, sebbene possano assumere forma umana a piacimento. Anche ai Supaṇṇas, creature mitiche immaginate come alate, considerate nemiche dei nāgas, ai Gandhaba, una classe di esseri semidivini che abitano il regno di Cātummahārājika e sono i più bassi tra i devas, e ai Valāhakas che sono i devas delle nuvole che controllano il tempo. 

SN3 - Il Libro dei Fattori di Aggrapparsi all'Esistenza

SKU: ITASN3
€1,95Price
  • Digha Nikāya

bottom of page